Multitasking e Post-Produzione

Multitasking Fotografo
Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn

In questo articolo parleremo di Multitasking applicato ad un aspetto  molto importante del nostro lavoro, ovvero la post-produzione.

Sarà capitato anche a te, a me mille volte, in cui non hai una grandissima voglia di post-produrre le fotografie degli ultimi servizi che hai scattato e per invogliarti maggiormente a spendere il tuo tempo davanti al pc accendi la radio, ascolti un podcast o ti guardi una serie tv in un secondo monitor.

E’ inutile nascondersi dietro ad un dito, il risultato nella maggiorparte dei casi è una post produzione grossolana o magari accurata ma ci hai messo il doppio o il triplo del tempo che ci avresti messo se ti fossi concentrato solo sulla post produzione.

Il quesito di oggi dunque è, devi allenarti maggiormente ad essere un “multitasker”  o non è colpa tua e il multitasking non esiste?

Idice dei contenuti

 

Cos’è il multitasking

 

Facciamo però un passo indietro e analizziamo cosa è il multitasking.

 

Con Multitasking si intende il processo che ci fa compiere più operazioni contemporaneamente, come appunto fare post produzione e guardare serie tv.

 

Il termine originale deriva però da un processo informatico per cui i computer riescono a saltare da un processo all’altro rapidamente, come ad esempio dal processo A al processo B per poi tornare a quello A molto velocemente, così in fretta che a noi sembra che lo faccia in contemporanea anche se in realtà non è così.

 

Se il computer ha un solo processore potrà fare una sola cosa per volta.

 

Negli ultimi anni ci siamo messi in testa che è possibile per noi umani fare molte cose contemporaneamente come cucinare mentre si guarda la tv e si parla al telefono oppure studiare mentre si ascolta la radio e si risponde ai messaggi o appunto postprodurre mentre si risponde le mail e nel secondo schermo gira una serie tv.

 

Sarà possibile tutto questo?

 

 

Il multitasking non esiste

 

La risposta è ovviamente no, come il computer non può fare più di un’azione per volta  avendo un cervello (processore)  solo, neppure noi possiamo fare altrettanto.

Anche noi come il pc saltiamo da un un lavoro ad un altro spostando la nostra attenzione, solo che noi non siamo altrettanto efficaci.

“Fare due cose alla volta è come non farne nessuna”

Quello che facciamo dunque è di spostare il pensiero da un lavoro all’altro e nella maggior parte dei casi ci viene semplice.

Pensiamo al caso di guardare il televisore e piegare i panni stesi, sono due compiti abbastanza semplici da eseguire insieme ma prova a pensare a risolvere un’equazione mentre un tuo collega cerca di spiegarti una sua strategia di business, in questo caso è impossibile.

" Il Multitasking è semplicemente l’opportunità di incasinare più di una cosa alla volta”

Quando passiamo da un lavoro ad un altro il nostro cervello deve distogliere l’attenzione da un compito e spostarla su quello successivo ma al contrario dei computer noi non siamo così abili a focalizzare l’attenzione su di un nuovo obiettivo per poi tornare a quello precedente e così via.

Infatti ci mettiamo svariati secondi per riprendere il ritmo e la velocità di esecuzione che avevamo in precedenza. 

Si stima che si possono perdere fino a 7 secondi ad ogni switch per capire dove eravamo arrivati.

Se conti che ad ogni passaggio del multitasking si possono perdere in media 3-4 secondi e li rapporti agli orari di lavoro durante i giorni e le settimane in cui abitualmente cerki di essere multitasking scoprirai di aver perso anche delle ore solo nel cercare di cambiare attività in continuazione.

Si stima che compiere due lavori in multitasking si spenda dal 25% al 100% in più rispetto che a farli singolarmente.

Un costo molto alto che non ci rendiamo conto di spendere.

Fonte: Il libro “Una cosa sola” di Gary Keller https://amzn.to/3fmjlGX

La post Produzione e il Multitasking

 

Traendo le conclusioni dal capitolo precedente è facile affermare che la risposta è un fragoroso “NO non si può fare”.

 Ma ci sono degli aspetti ancora più subdoli che ci distraggono e ci allungano il tempo di lavoro anche quando non stiamo facendo deliberatamente multitasking.

Quando il nostro cervello si distrae per uno stimolo esterno ci mette svariati secondi a tornare concentrato e gli stimoli esterni oggi giorno sono sempre a portata di mano.

Basta pensare al nostro cellulare che ogni volta che squilla ci ruba l’attenzione e di risposta noi corriamo a vedere chi ci chiama o quale notifica è arrivata.

Anche se non guardiamo il cellulare anche il solo suono delle notifiche ci distrae enormentene.

Immaginati mentre sei li che regoli la luminosità e il contrasto in un’immagine ti arriva un messaggio whatsapp probabilmente correrai a leggerlo, se importante risponderai  e se è urgente chiamerai anche la persona.

Una volta terminata la comunicazione ti metterai davanti al pc e sono sicuro che probabilmente neanche non ti ricorderai quale servizio stavi elaborando.

 

I colori nei film e la post produzione

 

Un altro grande danno che puoi fare guardando una serie tv mentre fai post produzione è quello di contaminare i tuoi colori del servizio che stai lavorando.

Basta pensare alle serie tv in cui le scene hanno una color grading particolare, con dei colori stravaganti come ad esempio in Peaky Blinders o Breaking Bad che hanno dei viraggi di colore importanti.

Quando guardiamo serie tv possiamo essere influenzati dalla loro palette cromatica e cambiare senza accorgercene il mood del nostro servizio.

Non sempre capita ma è un’eventualità da tenere in considerazione.

 

Consigli pratici per evitare il multitasking

 

Ora che abbiamo capito quanto è dannoso il multitasking vorrei proporti dei consigli che derivano dal buon senso.

 

1 – Chiudi la porta per non farti disturbare 

Cerca di isolarti se lavori in un contesto rumoroso, a contatto con i colleghi o se lavori in casa con i tuoi familiari o  di ad essi che per un tot di ore non ti devono disturbare per nessun motivo.

 

2 – Silenziare le notifiche

Il cellulare è una grande fonte di distrazione, imposta le notifiche silenziose e se puoi sposta il cellulare lontano da te o in un altra stanza, ti aiuterà a non guardarlo ogni 10 min.

 

3 – Spegni televisore, musica e Podcast

Io amo ascoltare podcast ma mentre lavoro ma seguire il discorso del podcaster di turno mi distrae enormemente.

Spegni ogni fonte di distrazione.

 

4 – Fai un task alla volta

Impegnati a fare una cosa per volta.

Stai post producendo, fai solo quello.

Ti vuoi svagare? Leggi un libro o ascolta un podcast.

Fai ciò che vuoi ma fai una cosa sola per volta e vedrai che ci metterai molto meno tempo a finire ogni lavoro.

 

A proposito, sapevi che ho un podcast dedicato proprio a questi argomenti? Si chiama Benvenuti nel Backstage e lo puoi trovare a questo link: https://www.spreaker.com/show/benvenuti-nel-backstage

Conclusione

In conclusione ti posso dire che la produttività nel lavoro di tutti i giorni è un aspetto importante che ci può permettere di risparmiare molto tempo e non cadere nella trappola del multitasking è parte di questo meccanismo.

Ricordati che però l’organizzazione e la produttività sono importanti ma prenderti il tuo spazio e rilassarti è ugualmente importante.

Pianifica nell’arco della tua giornata dei momenti di distrazione e di svago, magari gli stessi che avresti fatto in multitasking ma se fatti a tempo debito te li godrai di più.

Con questo ti saluto e ti rimando al prossimo articolo!


Ti è piaciuto questo argomento?

Sarebbe davvero prezioso se tu lasciassi un commento per capire se hai apprezzato l’articolo o se hai qualche domanda in merito!

Sarebbe utile a tutti se condividessi questo articolo a chi secondo te potrebbe essere utile!

P.S.: Sei un fotografo?

Nel 2020 ho creato una community segreta nella quale ci scambiamo ogni giorno idee sui contenuti e approfondiamo argomenti di Marketing per fotografi. Stiamo approvando nuovi membri!

Scopri anche tu le nostre strategie. Il gruppo è 100% gratuito. Fai click qui per iscriverti!

Ti potrebbe interessare anche:

Perché un fotografo dovrebbe avere un blog

Il piano editoriale per il tuo blog  

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
A cosa serve un blog?

Scarica la guida gratuita:
A cosa serve un blog?

In molti mi chiedono il perché un fotografo dovrebbe aprire un blog e quali benefici potrebbe ricavarne.

In questa guida gratuita descrivo tutti i motivi per cui sei già in ritardo e avresti già dovuto aprirne uno!

Prima di tutto?

Trovare clienti…Serve dire altro?

Scarica la guida su come un fotografo può trovare clienti con un blog.

Iscriviti alla News Letter

I Miei Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *