Marketing per fotografi di Famiglia

Marketing per fotografi di famiglia

In questo articolo vedremo i principali canali di marketing per fotografi di famiglia, analizzeremo tutti i possibili canali sia gratuiti che a pagamento per arrivare al nostro pubblico e convertirlo in clienti paganti.

Essere un bravo fotografo è fondamentale nel nostro lavoro ma oggi non basta più.

Ho visto bravi colleghi, ottimi fotografi ma con una pessima comunicazione che purtroppo lavorano meno di altri colleghi meno bravi ma con un ottima comunicazione che gli permette di avere un lavoro stabile nel tempo.

Una dei punti centrali da sempre nel mondo del lavoro è stato di sapersi vendere, noi fotografi di famiglia tante volte ci reputiamo artisti e non vediamo di buon grado le dinamiche di marketing e comunicazione ed è per questo che a volte bravissimi fotografi falliscono.

Il nostro scopo ultimo è sempre quello di trovare nuovi contatti e oggi abbiamo una grande opportunità nel web.

Senza contare che questo articolo lo sto scrivendo nelle quarantena del covid-19, nessuno sa come cambierà il mercato ma ad oggi la verità più plausibile è quella che a causa del distanziamento sociale il mercato online crescerà moltissimo nei prossimi anni.

Mi spingo a dire anche che farsi notare online oggi sarà ancora più importante, se non l’unico modo di cercare nuovi clienti.

Ci sono diversi canali per farsi notare online da nostri potenziali clienti:

  • Farci trovare quando le mamme cercano un fotografo attraverso Google

  • Referral Online attraverso i social

  • Fontenuti interessanti come degli articoli sul tuo sito o blog (condivisi su social o attraverso google)

  • Con la pubblicità sui social

  • Con la SEM ovvero gli annunci di google

Tutti questi canali possono essere divisi in due macro categorie:

Canali Gratuiti o Canali a Pagamento.

Diamo uno sguardo a tutti questi punti.

Marketing per fotografi: Canali gratuiti

I canali gratuiti sono quelli che piacciono di più a noi fotografi ma anche se non dobbiamo spendere dei soldi per progettarli ed utilizzarli per essere sfruttati al meglio bisogna spendere molte energie sotto forma di tempo e creatività.

Sono in questi canali che i fotografi di famiglia devono spendere più tempo per farli fruttare al meglio.

Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)

Creare il proprio sito e il proprio blog è uno dei primi punti che un fotografo di famiglia dovrebbe fare perchè i primi passi che muove una mamma o futura mamma compie per scegliere il fotografo che fotograferà il suo pancione è proprio attraverso il sito, ma come fa a trovare il nostro sito?

Proprio attraverso i motori di ricerca come Google.

Giustamente la maggior parte dei fotografi cerca di piazzarsi in cima alla SERP (Search Engine Results Page, la classifica delle posizioni nei risultati di ricerca) di Google attraverso l’ottimizzazione del proprio sito internet o del blog.

SEO:Search Engine Optimization, ovvero ottimizzazione per i motori di ricerca, è l’aspetto fondamentale per riuscire a comparire tra le prime posizioni su Google.

Purtroppo non è solo la mera ripetizione delle tue parole chiave che ti farà comparire per primo nella SERP di google , non è così semplice da effettuare da solo e chiedere l’analisi del proprio blog ad un esperto potrebbe essere buona idea.

Social Network

Con social network intendiamo tutte le piattaforme di aggregazione sociale come ad esempio Facebook, Instagram, Youtube, Linkedin, Pinterest, tik tok, ecc.

Sembra che oggi tuto il mondo sia sui social network, in Italia negli inizi del 2020 gli iscritti attivi sulle due piattaforme di riferimento per noi fotografi di famiglia sono

Facebook: 35 Milioni di utenti

Instagram: 26 milioni di utenti

marketing per fotografi di famiglia
Fonte: https://www.nimaia.it/blog/facebook_vecchi/

Anche se Instagram è più basso bisogna dire che nelle statistiche si nota che il trend si stia spostando, diminuiscono gli iscritti attivi su Facebook e aumentando quelli attivi su Instagram.

A prescindere dai dati, qualunque sia il trend su facebook vi è comunque presente metà della popolazione italiana e i maggiori fruitori sono persone comprese tra i 25-35 anni (il 23% dell’intero social), l’età perfetta per il nostro target di riferimento.

Su instagram si riconferma un’età più bassa, il 20,4% ha un’età compresa tra i 19/24 anni, troppo giovani per il nostro target.

Detto questo devi pensare che non tutte le piattaforme di social network sono perfette per te, infatti devi capire a chi ti rivolgi e su quale piattaforma è più presente, ad esempio una buona strategia per un fotografo di famiglia sarebbe di pubblicare contenuti su Facebook e instagram, tralasciando magari linkedin dove le future mamme (anche se sono presenti) non si aspettano di trovare consigli sull’allattamento.

Content Marketing

Cosa si intende per Content Marketing per fotografi di famiglia?

Si intende tutti i contenuti di valore che possono aiutare la nostra audiance a risolvere un problema o a togliere un dubbio.

Questi contenuti possiamo trovarli sotto diverse forme, ad esempio come Blog post, video su youtube, articoli lunghi su linkedin o facebook, stories su instagram o live.

La lista potrebbe essere lunghissima ma il punto è che questi contenuti debbano essere di valore per il nostro pubblico.

Potrebbe esserti utile questo articolo: Content Marketing ( https://dbf-lab.com/content-marketing/ )

marketing per fotografi di famiglia

Marketing per fotografi: Canali a pagamento

Al contrario dei canali gratuiti questi canali necessitano di un budget, vedremo gli stessi canali degli scorsi capitoli ma nella loro versione a pagamento

Social Advertising

Con Social ADV ( come ad esempio Facebbok ADV e Instagram ADV) intendiamo le pubblicità a pagamento, le piattaforme social danno la possibilità di mostrare il tuo contenuto o pubblicità ad un largo pubblico specifico di persone, secondo i parametri che imposti tu e a seconda del tuo budget.

Se c’è una cosa che sento dire spesso dai fotografi di famiglia è che le pubblicità sui social sono inutili e che non vogliono spendere soldi su facebook.

Li capisco… ma sbagliano.

Non c’è niente di più efficace ed economico come le sponsorizzazioni sui social network.

Ovviamente se fatte bene e al pubblico giusto di persone.

Ad esempio molte persone sbagliano i contenuti da pubblicizzare oppure creano il giusto contenuto ma sbagliano la targettizzazione

E tu?

Sai qual è il tuo pubblico ideale?

Magari ti può essere utile questo articolo: Buyer ersona trova l’identikit del tuo cliente ideale

Un altro errore comune è quello portare le persone dai social all’home page

del tuo sito, niente di più sbagliato!

Bisogna creare delle pagine dedicate all’utente che clicca sull’inserzione perché esso si aspetta di trovare esattamente ciò che cerca e non di doverselo trovare da solo nel tuo sito.

I consigli potrebbero essere moltissimi e li approfondiremo nei prossimi blog post.

SEM: SEARCH ENGINE MARKETING

Ovvero la pubblicità sui motori di ricerca, nello specifico parliamo di Google Adwords.

Mentre la pubblicità sui social è mettere in evidenza un tuo post davanti alle persone che scrollano il loro feed per creare i loro la voglia di acquistare un nostro servizio, al contrario con questo tipo di pubblicità andiamo a intercettare le persone le persone che sono già convinte di dover acquistare un prodotto e stanno cercando solo a chi rivolgersi.

Proprio per questo fermare le persone in questa fase è davvero interessante.

Come si fa ad intercettare questo pubblico? Posizionandosi nei primi posti dei risultati di ricerca su google.

Con la giusta SEO si può ugualmente entrare a far parte dei primi posti sella SERP di Google ma è molto più semplice (ovviamente) pagando per essere presenti nelle prime posizioni.

Anche in questo caso il consiglio è di far trovare una pagina di destinazione pronta alla vendita per chi cliccherà sul link di destinazione e non farli entrare sulla Home page.

Questo è solo l'inizio

Concentrandoti su questi 5 canali con tutte le tue risorse vedrai sicuramente dei risultati ma quello che non ti devi aspettare è che sia un lavoro semplice.

Le strategie di marketing per i fotografi di famiglia richiedono tempo e continuità per dare i loro frutti.

Ci sono cascato anche io all’inizio, pensavo che aperto la pagina di facebook, inserito qualche contenuto e buttati sopra qualche decina di euro la strada fosse in discesa e che ci avrebbero pensato i social e Google a fare il resto, ma no è così.

Ci vuole costanza e dedizione al tuo marketing e dovrai sudarti ogni piccolo risultato.

Buon Lavoro!

Fabio Arimatea

Fabio Arimatea

Mi chiamo Fabio Arimatea e sono un fotografo specializzato in Maternità e New Born. Con questa nuova avventura di Digital Business per fotografi mi dedico ad aiutare fotografi a comunicare meglio il loro valore sul web attraverso i nuovi media. Lo faccio attraverso diversi canali, uno dei quali è proprio questo sito, il tutto supportato dal gruppo di Facebook e un podcast ( Benvenuto nel Backstage ). All'interno delle pagine del blog ci sono tutte le risorse gratuite di cuoi abbiamo parlato nel gruppo fino ad oggi e hanno l'intento di aiutare i fotografi come te e per gestire al meglio la tua comunicazione.

contatti

Digital Business per fotografi di famiglia è a cura di Fabio Arimatea.

Per qualsiasi domanda o chiarimento puoi contattarmi attraverso la mail che troverai qui di seguito oppure attraverso i canali social. 

Iscriviti alla News Letter

La nostra news letter è bisettimanale e ha lo scopo di aggiornarti sui temi della comunity e sulle nuove strategie di business digitale che abbiamo affrontato. Non sarà mai invasiva!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *