La legge di Pareto 80/20

La legge di Pareto 80/20

Indice dei contenuti

Legge di pareto 80/20

Oggi parliamo della legge di Pareto per il marketing dei fotografi, troviamo una strategia per aumentare i tuoi guadagni. 

Questa riflessione è nata dopo aver letto l’ultimo libro dello  psicologo Luca Mazzucchelli, Fattore 1%, l’argomento del libro è dedicato alla crescita personale e acquisizione di nuove abitudini e la legge di pareto è uno spunto interessante che vale la pena essere approfondito.

 

Cos’è la legge di Pareto?

La legge di pareto deriva dall’ economista e sociologo italiano Vilfredo Pareto (uno dei nomi più belli che ho mai sentito) che nei primi anni del 1900 che durante uno studio in una determinata regione dimostrò riguardante i redditi fossero divisi in una percentuale vicina a  80/20  ovvero il 20% della popolazione possedeva l’80% del denaro all’ora in circolazione e il restante 20% fosse distribuito nel restante 80% di popolazione.

Fu solo nel 1987 che il sociologo Joseph M. Juran trovò l’applicabilità in tutti gli ambiti sintetizzando la legge nella frase: la maggior parte degli effetti è dovuta a un numero ristretto di cause.

Ovvero circa il 20% delle cause provoca l’80% degli effetti”.

 

La legge di Pareto è empirica

La legge di pareto è empirica ovvero non dovresti prenderla perfettamente alla lettera, infatti potrebbe avere delle variazioni del 10% se applicata nella vita reale.

Ad esempio potrai trovarla applicata statisticamente come 90/10 o 70/30 nel tuo business.

 

L’applicazione della legge di Pareto nel Marketing per fotografi.

Ragionando sulla legge di pareto nella mia vita quotidiana ho potuto constatare che può essere applicata anche nel lavoro da fotografo.

Rapportato al mio caso di fotografo di famiglia e dunque specializzato in fotografie di Gravidanze, New Born, Bambini, famiglie e più raramente coppie e matrimoni mi sono domandato quale fosse il modo migliore per aumentare le mie vendite dei servizi fotografici.

Ho sempre cercato di fare pubblicità su tutti gli aspetti del mio lavoro dividendo il capitale investito in tutti gli ambiti ma solo dopo molto tempo mi sono accorto del mio errore.

 

La puntata del podcast sulla legge di pareto:

Qui di seguito troverai la puntata del podcast dove parlo della legge di pareto applicata al mio business.

Ascoltalo e dammi il tuo parere su questo argomento nei commenti!

Concentrati sul 20% del tuo lavoro.

Secondo il principio empirico 80/20 ho potuto notare notare che nel mio reddito annuale l’entrata maggiormente ricorrente e che ha portato maggiori introiti è senza dubbio il servizio di Gravidanza.

In questo caso il 20% delle mie inserzioni pubblicitarie portava l’80% del mio ricavato,  mentre il restante 80% non portava i frutti sperati.

Il consiglio dunque è prima di analizzare bene qual è il servizio che ti frutta maggiormente in termini di clienti e di guadagni per poi direzionare tutto il tuo sforzo per acquisire in maggior quantità quella tipologia di clienti.

La legge di pareto per i fotografi

Non tutti i fotografi sono Family photographer ma la legge di Pareto funziona nello stesso modo in tutti gli ambiti.

Dopo aver analizzato i tuoi introiti annuali ti accorgerai che la maggior parte del tuo profitto potrebbe essere portata da solo una parte dei tuoi clienti o da solo una tipologia di servizi.

Ad esempio se sei un fotografo commerciale potresti aver notato che solo un settore specifico ti porta i maggiori guadagni, ad esempio solo i ristoratori o solo le foto di prodotto ti portano l’80% del tuo incasso mentre piccoli o grandi negozi te ne portano solo il 20% o viceversa.

Un’altro esempio possono essere i wedding photographer, dove per alcuni può essere più conveniente una tipologia di sposa specifica rispetto tutte le altre.

Trova il tuo 20%

In definitiva dunque devi metterti all’opera e trovare statisticamente qual è il  20%  dei tuoi clienti che ti porta l’80% dei tuoi incassi.

Una volta trovato devia tutta la tua attenzione su quel settore, costruisci una strategia di comunicazione mirata all’acquisizione di quella tipologia di clienti e comincia a fare inserzioni e content Marketing per acquisirne maggiormente. 

Puoi fare di più, scrivimi il tuo 80/20 nei commenti, discutiamone e troviamo una strategia insieme.

 

Ti è piaciuto questo argomento?

Sarebbe davvero prezioso se tu lasciassi un commento per capire se hai apprezzato l’articolo o se hai qualche domanda in merito!

Sarebbe utile a tutti se condividessi questo articolo a chi secondo te potrebbe essere utile!

P.S.: Sei un fotografo?

Nel 2020 ho creato una community segreta nella quale ci scambiamo ogni giorno idee sui contenuti e approfondiamo argomenti di Marketing per fotografi. Stiamo approvando nuovi membri!

Scopri anche tu le nostre strategie. Il gruppo è 100% gratuito. Fai click qui per iscriverti!

Ti potrebbe interessare anche:

Perché un fotografo dovrebbe avere un blog

Il piano editoriale per il tuo blog  

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
A cosa serve un blog?

Scarica la guida gratuita:
A cosa serve un blog?

In molti mi chiedono il perché un fotografo dovrebbe aprire un blog e quali benefici potrebbe ricavarne.

In questa guida gratuita descrivo tutti i motivi per cui sei già in ritardo e avresti già dovuto aprirne uno!

Prima di tutto?

Trovare clienti…Serve dire altro?

Scarica la guida su come un fotografo può trovare clienti con un blog.

Iscriviti alla News Letter

I Miei Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *